Sistema Lockout/Tagout

Sicurezza e tranquillità durante la manutenzione e la riparazione degli impianti industriali

Sistema_Lockout_TagoutMolti incidenti che purtroppo avvengono quotidianamente negli impianti industriali, sono causati da mancanza di attenzione nella messa in sicurezza delle varie fonti di energia.
Questi incidenti hanno luogo poi soprattutto durante la fase manutenzione.

Per garantire quindi la messa in sicurezza degli impianti durante la fase di manutenzione e/o riparazione, Brady – azienda fornitrice di soluzioni per l’identificazione nel settore sicurezza e disponibile presso i nostri magazzini di Industrialfer - ha progettato i dispositivi Lockout Tagout, ovvero la giusta soluzione per impedire che l’energia di tipo meccanico, elettrico ed idraulico venga rilasciata in maniera incontrollata.
Una procedura di Lockout/Tagout su sorgenti elettriche e pneumatiche, vapore, gas, liquidi, ecc, determina infatti il blocco e l’isolamento dell’apparecchiatura, l’applicazione di dispositivi di chiusura, e la messa in opera di sistemi di identificazione.

I sistemi Lockout/Tagout sono conformi alle normative grazie a un principio semplice ed efficace:

  • Il blocco e la chiusura meccanica
  • Applicazione lucchetti in modo che nessuno possa utilizzare un interruttore o una valvola in assenza del responsabile (Lockout)
  • Un’identificazione visiva a complemento della linea di prodotti Lockout (Tagout).

Sistema_Lockout_Tagout

Vantaggi e utilizzo del sistema Lockout/Tagout:

  • Manutenzione, riparazione e pulizia effettuate in tutta sicurezza
  • Prevenzione di incidenti sul posto di lavoro
  • Prevenzione di danni
  • Prevenzione di errori
  • Messa in evidenza della chiusura

Normativa di riferimento:

La direttiva CEE 89/655 - a cui questi sistemi fanno riferimentoprevede una sicurezza di base in merito alla sicurezza dei lavoratori durante gli interventi su apparecchiature industriali.

Diamo qualche esempio:

L’articolo 19 obbliga il datore di lavoro a fare in modo che “la sicurezza e la protezione dei lavoratori siano garantiti” oppure di prendere le misure necessarie “in modo da ridurre al massimo i rischi”. Sull’allegato di questa direttiva CEE, il paragrafo 3.14 sostiene che “ogni intervento su una “apparecchiatura industriale” debba essere effettuato con il supporto di dispositivi chiaramente identificabili che garantiscano che l’apparecchiatura sia staccata da qualsiasi fonte di energia. Le operazioni di manutenzione si devono poter effettuare quando l’apparecchiatura di lavoro è ferma. Per effettuare la manutenzione, i lavoratori devono poter accedere sul posto e potervi sostare in tutta sicurezza.

Questa legislazione della CEE è inserita nel diritto internazionale dal 31 dicembre del 1992.

Come sviluppare un programma scritto 

Fase 1: Sviluppo di un programma scritto

Questa fase comprende le procedure di identificazione e di registrazione collegate al controllo delle fonti di energia pericolose e comprende anche la preparazione al blocco e all’isolamento dell’apparecchiatura, l’applicazione di un sistema di Lockout/Tagout, la liberazione di energia immagazzinata e la verifica dell’isolamento della fonte energetica su ogni elemento dell’apparecchiatura.

Sistema_Lockout_Tagout

Fase 2: Formazione del personale

Il personale autorizzato e coinvolto deve ricevere una formazione relativa alle procedure di controllo dell’energia, stabilite dall’impresa. Sarà necessario prevedere una verifica di questa formazione. Il responsabile dell’implementazione delle procedure di Lockout/tagout è in genere il Responsabile della Sicurezza.

Sistema_Lockout_Tagout

Fase 3: Esecuzione del programma

A completamento delle procedure scritte e della formazione del personale, Brady propone una vasta gamma di lucchetti, piastrine, pannelli e dispositivi di chiusura per aiutarvi a mettere in opera le procedure di chiusura su varie fonti di energia, le quali comprendono: le fonti elettriche e pneumatiche, il vapore, il gas, i liquidi, ecc.

Sistema_Lockout_Tagout

Scritto lunedì, 13 giugno 2011 at 10:59 per Industrialfer. E' possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0 feed. E' possibile scrivere un commento, o trackback dal vostro sito.

Lascia un commento